Igiene orale senza plastica

In precedenza, abbiamo visto un elenco di soluzioni utili a ridurre l’uso della plastica nella vita di tutti i giorni. Ora è il momento di approfondire uno dei punti trattati: l’igiene orale!

Lavarsi i denti
Spazzolino
Dentifricio
Filo interdentale
Collutorio
Come risparmiare

Lavarsi i denti… Un’operazione così comune che nessuno ci riflette su. Spazzolino, tubetto di dentifricio e via. La sera una passata col filo, sciacquata di collutorio e siamo a posto. Sicuro…?

Igiene orale in plastica

Ovviamente no, è tutta plastica! Per non parlare degli imballaggi e confezioni d’acquisto. Se vogliamo davvero sbarazzarci della sua tossicità, dobbiamo trovare un metodo migliore. La buona notizia? (Sì, c’è sempre una buona notizia.) Le alternative sane ed ecologiche sono a portata di mano!

> Torna all’inizio.

Lo spazzolino

La scelta «verde» più diffusa sono gli spazzolini in legno e bambù. Tuttavia, le setole «vegan» non sono facilmente biodegradabili, nemmeno se a base vegetale, per i processi chimici subiti. (Occorre prima verificarne la compatibilità con le centrali a biomassa.)

[Attenzione: molti prodotti in plastica sono dichiarati «ecologici», perché «riciclabili» o con parti sostituibili, che «permettono di risparmiare plastica». Ma noi sappiamo che viene riciclato meno del 4% della plastica e l’unico modo per «risparmiarla» è di non usarla.]

Di seguito, alcuni esempi di prodotti «eco-friendly».

▪ Spazzolino in legno con setole di maiale, 100% biodegradabile. Chi è vegano per motivi etici, può optare per una delle scelte seguenti.

▪ Spazzolino in bambù, con setole in bambù [Tea Natura, imballaggi con minime quantità di plastica], olio di ricino [Hydrophil] o nylon 6 [Georganics]. Tutti questi tipi di setole vanno rimossi e gettati nell’indifferenziata. Anche la provenienza del bambù è da migliorare: quasi sempre dalla Cina, non proprio «km 0».

Miswak, la radice di un albero, è un po’ elaborata da usare, ma molti ne testimoniano effetti davvero benefici. Quasi ovunque è venduta in bustine di plastica… Ecco un raro esemplare (foto sotto) apparentemente confezionato in solo cartoncino.

Portaspazzolino in bambù [Hydrophil].

▪ Bicchieri o tazze portaspazzolini, in vetro o ceramica, li trovi nella tua cucina. 😉

> Torna all’inizio.

Il dentifricio

Ci sono tanti modi per autoprodurlo, richiede poco tempo, è economico e dura a lungo. A questo link è spiegato come realizzarlo con olio di cocco e bicarbonato di sodio, una ricetta facile, veloce e personalizzabile!

Se, invece, preferisci comprarlo, ecco qualche suggerimento.

Pasta o polvere dentifricia in barattoli di vetro [Georganics pasta/polvere].

Dentifricio solido: dura parecchio ed è comodo da usare, Lamazuna (su bastoncino) e Georganics (in stick) lo vendono online. Dr. Bronner produce una saponetta naturale ed etica, che puoi usare in tanti modi, anche come dentifricio! Cercala nelle erboristerie e simili (se non la trovi, contatta «GAIA natural distribution)».

Olio di cocco puro: ha diverse proprietà benefiche e tanti usi, compreso quello di dentifricio. [Qui lo trovi in un barattolo di vetro (foto sotto); oppure qui, in formato più conveniente da 1 litro].

> Torna all’inizio.

Il filo interdentale

Ce ne sono svariati di naturali, ma attenzione alle descrizioni: potrebbero essere indicate componenti sintetiche (per esempio, nel rivestimento).

▪ Filo di seta e cera d’api racchiuso in un dispenser di vetro e alluminio [Georganics, foto sotto]. Molto pratico, pulito (e pure esteticamente apprezzabile). Vengono venduti rotolini di filo di «ricarica» da inserire nel dispenser, riducendo i rifiuti quasi a zero!

▪ Filo di seta e cera d’api racchiuso in una scatoletta di cartoncino e bio-plastica, forse un po’ scomoda da usare [Monte-bianco]. La confezione è biodegradabile, ma non è «zero waste», perché non sono previste ricariche.

Igiene orale al naturale | Natural oral hygiene

> Torna all’inizio.

Il collutorio

La maggioranza dei collutori è venduta nella plastica. L’obiettivo è di trovare confezioni più ecologiche possibili. Ecco qualche suggerimento.

▪ L’olio di cocco, già preso in considerazione come dentifricio, funge anche da collutorio naturale!

▪ Collutorio naturale di vari tipi, in recipienti di vetro e alluminio [Georganics].

Idrolato di eucalipto biologico (in boccetta di vetro e alluminio): con due gocce in mezzo bicchiere d’acqua si ottiene un buon collutorio [Biopark Cosmetics, foto sopra].

> Torna all’inizio.

Come risparmiare

Abbiamo visto una bella gamma di prodotti «green», ma ognuno li deve scegliere in base alle proprie esigenze: comodità, forma, praticità d’uso, sapore… Cerca, sperimenta e trova il tuo spazzolino e dentifricio ideali! Idem per il filo interdentale e tutto ciò che ti serve.

Attualmente, i prodotti «eco» e naturali sono mediamente più costosi dei tradizionali in plastica. Probabilmente i prezzi sono destinati a scendere. Nel frattempo, ecco come risparmiare qualche soldo.

▪ Quando scopri un buon prodotto, cercalo anche su altri siti, di altre marche o nei negozi intorno a te. Potresti trovarlo a prezzi inferiori o avere l’opportunità di fare acquisti cumulativi (vedi punti successivi).

▪ Compra più prodotti, in formato famiglia, presso un unico venditore (controlla tutti gli articoli sul suo sito web.) Così risparmi due volte: sulla spedizione (a volte gratuita sopra una certa spesa) e sulla convenienza delle confezioni multiple al posto che singole.

[Due produttori virtuosi: usano imballaggi «zero plastica» e rispondono con gentilezza alle richieste degli utenti.
Hydrophil: sede in Germania (Amburgo); buona gamma di prodotti «eco» per igiene orale e cura personale; spedizione gratuita in Germania a partire da 10 €, resto del mondo da 50 €.
Georganics: sede in Inghilterra (Sussex) e magazzini in tutta Europa; vasta gamma «plastic-free» e naturale per l’igiene orale (foto sotto); spedizione gratuita in UE da 85 €; fondata da un italiano nel 2015!]

Un post condiviso da Federico H. (@effederico.h) in data:

▪ Chiedi ad amici e parenti di aggregarsi al tuo acquisto: rende più facile azzerare i costi di spedizione e permette di chiedere eventuali sconti per quantità consistenti.

▪ Se nella tua città ci sono negozi specializzati, verifica di cosa dispongono e i relativi prezzi, informati sulla possibilità di sconti per grandi quantità (come al punto precedente).

Ricordati sempre: quando compri online, (meglio se prima dell’acquisto) richiedi che l’imballaggio sia «plastic-free». Ha poco senso comprare prodotti 100% ecologici, se poi vengono avvolti di Pluriball e nastro adesivo.

 

Hai trovato o usi altri prodotti sani ed ecologici? Non esitare a segnalarli nei commenti! E se l’articolo ti è piaciuto o ti è stato utile, condividilo coi tuoi amici! 😊 Adesso puoi passare alla fase successiva: l’igiene e cura personale, a zero rifiuti e poca spesa! 😉

> Torna all’inizio.

Cosa ne pensi? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

21 commenti su “Igiene orale senza plastica”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: